Orchestra Cameristica di Varese

L'Orchestra
Stagione 2011
Stagione 2010
Nuovi Programmi
Dicono di noi
L'Associazione
Repertorio
Foto
Audio/Video
Contatti
Hanno scritto dell'Orchestra Cameristica di Varese

 

Gli esordi

“Varese si arricchisce di una nuova prestigiosa realtà: un’orchestra cittadina stabile che,

da un lato possa completare ed arricchire l’offerta del panorama concertistico cittadino.”

(Federica Baj, La Prealpina)

 

“Venti elementi di base, ma che possono diventare anche il doppio, musicisti di

altissima professionalità e un’ambizione artistica non da poco: rimettere sotto i riflettori di

critica e pubblico un repertorio quasi dimenticato come quello della musica da camera fra

Ottocento e i primi anni del secolo scorso.”

(Riccardo Prando, La prealpina)

 

“L’atteso debutto dell’Orchestra Cameristica” … “un’orchestra professionale stabile” …

“colmando un vuoto che a Varese è avvertito da molti.”

(Luca Segalla, Lombardia Oggi) 

 

Il consenso del pubblico

“Costituitasi tre anni fa con il patrocinio del Comune, l'Orchestra cameristica di Varese è

formata esclusivamente da professionisti e da giovani di provato talento, come testimonia la

qualità delle esecuzioni e dei programmi, nonché il successo riscontrato in occasione dei suoi

concerti anche fuori provincia.”

(Francesca Bonoldi, La Prealpina)

 

Tanti applausi per il concerto dell’Orchestra Cameristica di Varese.”

(La Provincia)

 

“Fabio Bagatin sa cosa può chiedere e soprattutto cosa non chiedere alla sua orchestra (quanti

direttori ne sono veramente capaci?) e i risultati si sentono.“

(Luca Segalla, La Prealpina)

 

“Al Castello sono risuonate le note dell’Orchestra Cameristica di Varese […] protagonisti

assoluti dell’esibizione “en plein air” sono stati gli archi e il bellissimo parco della dimostra

storica varesina.”

(Roberto Banfi, La Prealpina)

 

 “Una formazione orchestrale di grande qualità.”

(Francesca Bonoldi, La Prealpina)

 

“Il coordinamento che Bagatin ottiene dalla Cameristica di Varese è entusiasmante”

(Davide Ielmini, La provincia)

 

“Sotto le dita di Plano, Mozart sembra procedere lungo un percorso misterioso che l’interprete

conosce alla perfezione: una meraviglia, anche per l’intesa molto naturale con l’orchestra”

(Luca Segalla, La Prealpina)

 

“Si è fatta apprezzare la giovane orchestra varesina anche nella “Sinfonia N° 5 in Si bemolle

minore” di Schubert, pagina dalle trasparenze settecentesche nelle quali è difficile

nascondere una sbavatura, sia pure piccola Eppure la Cameristica di Varese è apparsa pulita e precisa,

dispiegando tra l’altro un fraseggio morbido e levigato.[…] Alla fine applausi generosi.“

(Luca Segalla, La Prealpina)

 

“Last year’s concert was marvellous and we are lucky to have a new opportunity to enjoy an

evening of great classical music.”

(Lianneke Garbil, The Voice of Varese)